Operazione Trasparenza

L’azione della pubblica amministrazione è rivolta, in via principale, a perseguire l’interesse generale della collettività, agendo attraverso l’esercizio del potere in modo trasparente.

La trasparenza, regolamentata secondo la L. 241/90 sul procedimento amministrativo, è soprattutto una regola generale che coinvolge ogni determinazione pubblica e rappresenta il principio costituzionale di buon andamento e imparzialità, canonizzato nell’articolo 97 della Costituzione.

Ne consegue che le finalità di pubblico interesse devono sempre consentire alla collettività di comprendere appieno i percorsi decisionali dell’amministrazione pubblica allo scopo di garantire una corretta partecipazione di tutti i soggetti coinvolti per l’adozione delle decisioni in conformità con la tendenziale coincidenza tra gli obiettivi da perseguire in linea con l’interesse pubblico e l’utilizzo del potere amministrativo.

Trasparenza e partecipazione sono, dunque, i pilastri basilari delle regole di condotta dell’amministrazione pubblica amministrazione che deve necessariamente fare della comunicazione, chiara e precisa, un elemento fondamentale per creare un ponte tra chi gestisce i cambiamenti urbani e la collettività che li vive in prima persona.

D’altra parte il diritto dei cittadini ad essere informati e a formulare osservazioni e proposte nella fase di ideazione  dei progetti di riqualificazione urbana, allo scopo di contribuire alla formazione delle scelte, è sancito in Emilia Romagna dalla legge regionale n. 3/2010 e non può essere svilito a formalità da espletare dopo che le  decisioni sono state definitivamente prese e i lavori si apprestano a partire, né essere ridotto al solo aspetto dell’arredo urbano, della riqualificazione di Piazza della Vittoria o dell’esenzione COSAP, come prevede l’Amministrazione Comunale reggiana.

Operazione Trasparenza. Quaranta domande sul park interrato Vittoria che necessitano di una risposta in nome dell’interesse pubblico”, che segue l’iniziativa della raccolta firme e precede le prossime iniziative di piazza, è un opuscolo realizzato dal basso che raccoglie molte delle domande che l’Amministrazione Comunale reggiana, a parere del Comitato No Parcheggio Piazza della Vittoria, non si è posta nei quasi 10 anni in cui ha negoziato soltanto col privato concessionario in merito all’equilibrio del piano economico e finanziario del progetto.

Siamo convinti che se la negoziazione per la questione mobilità urbana e, nella fattispecie per il park interrato Vittoria avesse coinvolto, in nome del principio della trasparenza e della partecipazione, anche la collettività e non si fosse attestata, come invece è accaduto, solo su accordi poco chiari tra Comune e privato, allora oggi non ci troveremmo nella situazione di dover aprire una conflittualità e una protesta sul progetto definitivo e esecutivo del park Vittoria.

Nell’opuscolo, il contraddittorio si mostra più aspro e provocatorio perché sul park interrato si ritiene di essere in presenza anche di una lesione del principio e del precetto costituzionale di imparzialità dell’agire pubblico. Ciò soprattutto per quanto riguarda l’obbligo dell’amministrazione di esaminare in modo completo, accurato e imparziale tutti gli elementi rilevanti della fattispecie (come affermato dalla Corte di giustizia delle Comunità europee) o l’obbligo di compiere in modo oggettivo un esame comparativo degli interessi pubblico e privato da valutare e di tenere conto dei relativi risultati.

Le quaranta domande dell’opuscolo vogliono rappresentare anche l’ennesimo invito rivolto all’Amministrazione Comunale a riflettere sull’utilità e la fattibilità dell’opera di fronte ai tanti, troppi, aspetti negativi presenti e futuri, di un’infrastruttura certamente incompatibile con il tessuto sociale e urbano della città.

Scarica l’opuscolo Operazione Trasparenza. Quaranta domande sul park interrato Vittoria che necessitano di una risposta in nome dell’interesse pubblico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *